CronachePrimo Piano

Pulvirenti “Cosentino scelta scellerata”

Dopo il silenzio di due anni, Pulvirenti torna a parlare alla stampa.

Dopo il silenzio di due anni, Pulvirenti torna a parlare alla stampa. È un Pulvirenti con il capo coperto di cenere e pronto a chiedere scusa, ai tifosi e alla società, pronto a prendersi la sua responsabilità-

“Mi sono illuso di poter entrare a far parte di un mondo lontano dalla realtà che potevamo affrontare e alla fine ho sbagliato”. Amaramente, commenta così la scelta di Pablo Cosentino.

“Ho affidato il mercato a Pablo Cosentino pensando di fare bene, invece è stata una scelta scellerata. Penso sempre a questo fatto, ed è stato il mio errore più grande. Probabilmente, non fosse accaduta la vicenda dei Treni del Gol, Cosentino avrebbe continuato a fare l’amministratore delegato”.

L’incontro con i giornalisti è un punto di partenza nella riflessione dei fatti di questi ultimi due anni: “Ho sempre avuto dei dubbi su come sono andate le cose – riferendosi alla vicenda dei Treni del gol – E leggendo le carte insieme agli avvocati e ai tecnici avevo la certezza che si è trattato di una truffa nei miei confronti. Resta sempre il problema morale, perchè moralmente ho sbagliato io e ne ho pagato le conseguenze”.

Ha pagato lui e ha pagato anche il Catania come squadra, con la retrocessione, i punti tolti, la risalita faticosa che ancora non sembra terminata. “Vedevo le cose accadere e io non potevo fare nulla –  dichiara –  quindi appena c’è stata la possibilità ho incontrato Lo Monaco. Abbiamo parlato del passato si e no 5 minuti, poi abbiamo parlato solo del futuro e del lavoro che c’era da fare”.

Se Pulvirenti adesso decide di parlare con i giornalisti, non si può dire lo stesso dell’incontro con la tifoseriai: “Nonostante mi abbiano tolto il Daspo, non vado allo stadio perchè non riesco ancora ad incontrare i tifosi, perchè so il male che ho fatto”.

E sulla situazione finanziaria del Catania rassicura: “I debiti sono finiti, la situazione debitoria è stata ripianata e possiamo ricominciare il rilancio della società”.

Il patron del Catania tiene a precisare, però,  come per la squadra non sia stata mai fatta un’offerta “nemmeno un euro”, ma si dichiara pronto a fare un passo indietro nel caso in cui ci fosse.

“Noi faremo quello che serve, come abbiamo sempre fatto per il futuro.- conclude –  Certo, spero un giorno di tornare a fare il presidente del Catania, in qualsiasi categoria, anche se spero sia la serie A”.

“Sono finiti i debiti e può ricominciare il rilancio della società”

 

Tags
Mostra di più

Desiree Sicilia

Giornalista fin dalle elementari (abbiamo le prove che lo documentano), ho studiato Scienze della Comunicazione. Curiosa, impicciona, preferisco lavorare dietro le quinte. Il mio argomento preferito? La cronaca

Potrebbe interessarti anche

Close